A una distanza di 4 km dal villagio di Elafonisos, sul versante meridionale dell'isola sono le spiagge gemelle di Simos (piccola spiaggia) e Sarakiniko (lunga spiaggia o Tseratsiniko per i locali). 

La baia di Sarakiniko (o Tseratsiniko) o Porto di Cervi, secondo i cartografi, era un rifugio di Cilici selvaggi, Saraceni, Ottomani, Corsari barbareschi, Maltesi, dei cavalieri, Inglesi, Francesi, di gente da Mani e altri pirati e corsari. Delle tombe in gruppo, con crani umani rotti, che si trovano sulle spiagge di Simos e Sarakiniko, testimoniano la brutalità che queste bellissime aree hanno vissuto. Victor Hugo, nella sua poesia di Citera, si riferisce ai corsari della regione (Stretto di Elafonisos) come pure Jules Verne.

La prima Guerra navale turco-veneziana di Elafonisos è iniziata nel Sarakiniko nel 1572 dC. Don Giovanni, Ulutzalis, Cervantes (autore del Don Chisciotte) hanno partecipato a questo progetto (Dr Mentis K. 1993: 53-56).

A Sarakiniko è stata anche presa la decisione per la battaglia navale di Navarino. L' 8 ottobre 1827, il Sabato all'alba, il consiglio degli Ammiragli di Guerra (Kodrington, Derigny, Heyden) ha ricevuto la decisione più critica nella storia greca sulle acque limpide del Sarakiniko: "o Ibrahim si ferma tutte le ostilità e torna con la sua flotta e tutte le sue forze ad Alessandria, o si riceve immediatamente il fuoco delle flotte alleate "..." (Dr. K. Mentis 1993: 89-91).

 

Fonti
Mentis, K., 1994, S. Peloponnesus and its “smigopelaga” islands. - Il Peloponneso meridionale e le sue isole “smigopelaga”, Elafonisos: Library of Elafonisos/Bibliotheca di Elafonisos

 

 

0
0
0
s2sdefault