Il percorso in barca dal porto di Elafonissos alla più bella spiaggia Europea, di nome Simos (Sìmos).

Lasciando il porto di Elafonissos, a brevissima distanza alla nostra sinistra vediamo la pittoresca cappella di Agios Giannis (Άgios Giannis).

Subito dopo c'è una zona chiamata Vaporaki (Vaporàki, che significa "piccola barca"). Si tratta di una roccia che ha preso la forma di una barca dopo la continua raschiatura della sua superficie dal vento e dal sale del mare. Secondo una leggenda, questa roccia era una volta una nave pirata che è pietrificata, quando il suo equipaggio ha tentato di attaccare la cappella di Agios Giannis.

Proseguendo verso sud, si giunge Mavros Kavos (Capo Nero). Sopra di lui, è la posizione Fountianika in cui sono stati trovati vasi di terracotta di colore scuro in abbodanza dell' età prima elladica.

Poi c'è la grotta di Karantrea (Karantrèa), una grotta nel mare.

Sulla nostra strada incontriamo Spilitsa (Spilìtsa) e poi il Capo Delakouvìa (o Delekouvìa) con il suo nome veneziano.

Raggiungendo la spiaggia di Lefki (Lèfki), la nostra immaginazione cerca il tempio di Apollo nella sua posizione preistorica. Secondo Tucidide, è stato costruito prima del 6 ° o 5° secolo aC. Lefki del Capo ci sono frammenti dell'età del bronzo (3500-2500 aC).

Dopo Mytikas, passiamo all' ultima estremità di Elafonissos, il Capo Frango.

L'area di mare orientale di Elafonissos che attraversiamo è stato usato molte volte come ancoraggio della flotta greca nel 1821 e soprattutto dopo l' unificazione sotto l' ammiragliato generale di A. Miaoulis a Elafonissos nel 1822 (Anomitris J. 1984-1996).

L' Ammiragliato generale di A. Miaoulis a Elafonissos nel 1822 (Anomitris J. 1984-1996).

Il promontorio di Frango, imponente e ventoso appare davanti ai nostri occhi. `E il punto più meridionale dell' isola, l' estremo sud-ovest della baia di Vatika e l' estremo nord-orientale dello stretto di Elafonissos. Nelle sue fessure, i pirati si nascondavano dentro come ragni e nella grotta Batzika (Batzìka), ancora oggi, possiamo vedere le ossa umane.

Entriamo nella baia di Frango e arriviamo ad Akrotiri Elena (Akrotìri `Elena), dove una bella immagine cattura il nostro sguardo.`E la spiaggia di Simos.

A parte Pavlopetri un' altra città sommersa sembra esistere, a sud del Capo Elena, in cui è stata trovata l' ossidiana.

 

 

riferimenti
Mentis Kon / nos 1993: Elafonisi l'Isola Smigopelago, Pireo: Pubblicazioni Lafonisiotiki Biblioteca

 

articoli relativi

Elafonissos - Simos - Sarakiniko (Ciclismo - Viaggi stradali)

0
0
0
s2sdefault

Elafonisos fishing, cruise, sailing