Percorso con barca da Sarakiniko alla spiaggia di Panagia a Katonisi.

Attraversiamo la baia di Sarakiniko e passiamo successivamente da Kournospila (Kournò spila) e Lygia (Lygià). Tra le rocce, vediamo un punto in cui si forma una scanalatura. Questo punto è chiamato Vrakozonas (Vrakozonàs). Qui c' erano vecchie fornaci si usavano per fare il calce e in cui le barche entravano per essere caricati.

Poi scorgiamo una zona di colore rosso brillante a causa di rocce rosse e del suolo, che si chiama Kokkina (che significa rosso).

A Sud-ovest, si trova la grotta di Stapa (covo vecchio di pirati), Pori (Porì) e il famoso Capo Santa Maria dei portolani, l' odierna Capo Agia Marina (Agìa Marìna), o Akrotiri Vodi (Akrotìri Vòdi), che unisce le zone di mare del Golfo laconico, della baia Sarakiniko, del Mar Ionio e del Mar Egeo. Qui ci sono i resti di una nave naufragata.

Subito dopo Agia Marina, c'è un' apertura, come una scanalatura che viene dalla montagna e c'è molta acqua fresca che sgorga. Una leggenda locale dice che questa acqua viene dal Taigeto.

Costa sud-occidentale primitiva e con selvaggia bellezza naturale si chiama Cholokouras o Chourhoulakias (Cholokoùras o Chourhoulakiàs) ed è una zona ricca di bianche e grigie grandi pietre rotonde.

Subito dopo, c'è una spiaggia di sabbia che si chiama Amouditsa (Amoudìtsa).

Continuiamo a raggiungere il nord della spiaggia Agliftis e l'isola omonima. Una vecchia rete stradale che parte dalla riva del Agliftis e si sfuma in mare, segna il grande valore storico di questo luogo.

Qui si trova la pittoresca e solitaria chiesetta di Agios Patapios (Άgios Patàpios), costruita nel 1960. Le scogliere selvagge e scoscese della costa sono chiamati Kakovraha (Kakò vraha). Gli abitanti, una volta le incrociavano con lo scopo di raccogliere il sale dalle saline che si formano qui.

Proseguendo lungo la spiaggia, troviamo le grotte Alatsospiliès (Alatsospiliès). I pastori hanno utilizzato queste grotte per mettere i loro animali.

A nord incontriamo Drizous (Drìzous), un sito che è pieno di grotte e terreno roccioso. Qui c'era acqua fresca accumulata in bacinι naturali.

Stiamo passando il capo di Kassela (Kassèla) (con grande attenzione perché l' acqua è profonda), che si trova di fronte l' isola omonima e arriviamo alle isole di Panagia. Su Lepto Nisi si possono osservare alcune chiese in rovina.

 

riferimenti
Mentis, K., 1994 S. Peloponneso e le sue isole "smigopelaga". - Il Peloponneso meridionale e le sue isole "smigopelaga", Elafonissos: Biblioteca di Elafonissos / Bibliotheca di Elafonissos

0
0
0
s2sdefault